Home Ricerca Vota la gara

TRANS D'HAVET 2018

 Il Miglior Sito Per I Migliori Podisti

Articoli Tecnici
EthicSport: NEWS
L'ortopedico consiglia
Golden Events
Disabilincorsa
Diario Podisti
Percorsi Google Earth
Allenamenti
Comunicati Stampa
Resoconti
Stretching
Calcola Velocità
Calcola Velocità Nuoto
Scarpe
Abbigliamento
Società Sportive
Bioritmi
Foto Podisti
Foto Società
Integratori
Segnalazione Gare
Calendario Gare Podistiche
Vota la gara
Gare Votate
Informativa sui Cookie

PIOVENE ROCCHETTE, 21 luglio 2018
 

"TRANS D'HAVET 2018"

Il meteo l'ha fatta da padrone nella notte costringendo ad alcune deviazioni TRANS D'HAVET 2018: MASTROTTO E PRETTO RISPETTANO I PRONOSTICI Sul tracciato Marathon si impongono il campione italiano Fantuz e Lucia Forte Alla vigilia della gara in molti temevano un'edizione 2014 bis. Le previsioni meteo non hanno lasciato scampo, infatti, presentando un conto salato nella notte della 7^ Trans d'Havet. La pioggia torrenziale e qualche fulmine non hanno tuttavia fermato i quasi 700 iscritti che si sono dati battaglia sui due tracciati Ultra (80 km e 5.500 mD+) e Marathon (40 km e 2.500 mD+). La macchina targata Ultrabericus Team, tuttavia, ha deciso di operare alcune deviazioni per evitare i passaggi più esposti. Non ne hanno rimesso il tracciato, né tantomeno il profilo altimetrico, apprezzati anche con le condizioni avverse dai tanti runners in gara. Ultra Trail uomini Partenza ritardata di qualche minuto a Piovene Rocchette per rubare giusto qualche minuto alla furia del temporale. Alla luce delle pile frontali il chiampese Roberto Mastrotto (Team La Sportiva) ha messo da subito le cose in chiaro: ha impostato l'andatura e si è messo a fare la lepre per segugi del calibro di Yanez Borella, Alessio Zambon (Summano Cobras) e Filippo Dal Maso (Faizanè Runners Team). A Passo Xomo il distacco tra Mastrotto e Borella era già di 8', 18' da Zambon. Il runner di Fai della Paganella teneva il passo e a Campogrosso non perdeva terreno, cosa che invece era costretto a fare Zambon, vedendo il divario dal lanciato Mastrotto crescere fino a 27'. Sull'aspra salita a Cima Carega e al Rifugio Fraccaroli Mastrotto ingranava il turbo, lanciando poi una gran discesa sul Rifugio Fraccaroli e presentandosi al check point di Sella del Campetto con un abisso tra sé e Borella: 40'. Recuperava nel frattempo un bel po' di strada Zambon, dietro di solo un minuto a Campetto, rispetto al passaggio registrato da Borella. Se tra i due c'era ancora lo spazio per qualche flebile tentativo di attacco, per il portacolori di casa La Sportiva il successo era ormai scritto. Sul traguardo valdagnese Mastrotto fermava il cronometro a 9:37:32, sigillando anche l'obiettivo postosi alla vigilia della competizione. Solo giovedì scorso, infatti, aveva dichiarato di voler tentare di rimanere sotto le 10 ore, anche solo per pochi secondi. Per accogliere alla finish line Borella si dovevano a quel punto attendere ben 43'. Altri tre minuti dopo arrivava anche un esausto Zambon. Ultra Trail donne Nella lunga al femminile Francesca Pretto aveva una e una sola avversaria da temere più di tutte: Alessandra Boifava (Ultrabericus Team Asd), la vicentina che con il quarto posto conquistato in casa Ultrabericus a marzo si era aggiudicata il biglietto per il mondiale di Spagna. Ma dalla sua la Pretto aveva un titolo, quello 2017, da difendere a denti stretti. E così ha fatto, facendo subito capire che non ci sarebbero stati sconti per nessuno. A Passo Xomo il distacco era di poco sotto i 10', destinato però a ridursi ad un solo minuto al transito a Campogrosso. La Pretto metteva allora il 4x4 sulle asperità di Bocchetta Fondi e del Vallone di Campobrun, riuscendo a scucire un ulteriore vantaggio che la allontanava dai possibili attacchi della Boifava. Ma si sa, in gara non si molla un metro finché non si è alla fine, e così deve aver pensato Alessandra Boifava che tenendo nel mirino la fuggitiva Pretto si rifaceva sotto riducendo a 3' il distacco nei chilometri finali, non sufficiente però a giocare il balzo decisivo. Alla finish line, così, la reginetta 2017 riconfermava il titolo lasciando in argento Alessandra Boifava. A giocarsi a quel punto il terzo posto se la vedevano in un batti e ribatti, l'atleta del G.S. Atl. Dil. Lib. Piombino Dese, Alessandra Olivi e l'austriaca Marina Trimmel (Union St. Polten Leichtathletik). Era però quest'ultima ad avere la meglio sulle pendenze verso Cima Carega e nel lungo saliscendi verso Sella del Campetto e poi nella picchiata su Valdagno andava a sigillare il suo nome sul terzo gradino del podio. Marathon uomini Poteva essere una gara scontata per un atleta del calibro del campione italiano in carica della specialità trail lungo, Stefano Fantuz (SSR La Colfranculana), super favorito alla vigilia della competizione. Non aveva però fatto i conti con un giovane come Alberto Ferretto (ASD Skylakes) che fino all'ultimo lo ha messo sotto pressione. Alla partenza da Pian delle Fugazze e in salita a Campogrosso, il primo che ha provato ad impensierire l'azzurro è stato l'uomo del SBR Team, Ruggero Pianegonda, messosi sulla sua scia. Ma la scalata a Cima Carega sa fare una selezione spietata. È così che Ferretto metteva la freccia per il sorpasso, lanciandosi all'inseguimento di Fantuz. A Sella di Campetto i due erano staccati di appena 2 minuti, ma in discesa Fantuz mollava il freno e si involava verso Valdagno macinando quei metri preziosi a cui un ormai provato Ferretto non poteva più tenere testa. 04:15:04 il tempo finale per Fantuz, 6'23” davanti a Ferretto e oltre 16' davanti a Pianegonda. Marathon donne Buona la prima anche per la portacolori del team United Trail&Running, Lucia Forte che si è aggiudicata il gradino più alto del podio nella gara di 40 km a tinte rosa. La sua è stata una prova condotta sempre davanti a tutte le avversarie, che tuttavia non si sono date per vinte fino in fondo, con Silvia Dalla Costa, Cristina Guasina, Claudia Thoma e Mary Boschetto che si sono gettate all'inseguimento. Sulla salita al Rifugio Fraccaroli e nella successiva discesa verso Sella di Campetto la coppia Thoma-Boschetto sembravano averne un po' più delle altre e impostavano la giusta tecnica per arrivare al traguardo. Lucia Forte aveva però scavato un fossato fin troppo profondo da valicare con un balzo e così le due inseguitrici erano costrette a spartirsi gli ultimi due posti rimasti liberi. Ad avere la meglio era la Boschetto che infilava così il gradino d'argento, lasciando alla Thoma il terzo posto, rispettivamente con i tempi di 05:37:16 e05:46:17. Sul traguardo di Valdagno è ricomparsa nel frattempo un'abbondante pioggia, ma non si fermano gli arrivi. Si proseguirà fino a tarda serata, come da tradizione, fino all'ultimo concorrente. Solo allora Trans d'Havet potrà salutare a dare l'arrivederci all'edizione 2019 che magari potrebbe riservare qualche sorpresa... Trans d'Havet ringrazia per il supporto i main sponsors Montura e Alpstation, oltre a Birra Menabrea, We_Beat, Autovega, Maggiore, Vicenzaè, Brunello Trasporti, ma anche amici e partner che rendono possibile ogni anno la manifestazione, dai tanti gruppi e sezioni ANA di Vicenza e Provincia, Croce Rossa Italiana, Soccorso Alpino, le sezioni vicentine del CAI, Valdagno Basket, Polisportiva Valdagno, Associazione Botteghe del Centro di Valdagno, ProValdagno e il Circolo Fotografico Leoniceno. Non da ultimi si ringraziano per il supporto offerto lungo il percorso dai rifugi e rifugisti, a partire dal Rifugio Passo Xomo, quindi il Rifugio Achille Papa, il Rifugio Campogrosso, il rifugio Fraccaroli e il rifugio Scalorbi. La top 5 Uomini - Ultra trail 80 km 1. Roberto Mastrotto (Team La Sportiva) 09:37:32; 2. Yanez Borella 10:20:02; 3. Alessio Zambon (Summano Cobras) 10:23:16; 4. Filippo Dal Maso (Faizanè Runners Team) 10:36:12; 5. Claudio Chiarini (3T Valtaro) 10:52:21 Donne - Ultra Trail 80 km 1. Francesca Pretto 11:15:45; 2. Alessandra Boifava (Ultrabericus Team ASD) 11:18:41; 3. Martina Trimmel (Union St. Polten Leichtathletik) 12:26:21; 4. Federica Menti (Vicenza Marathon) 12:37:28; 5. Alessandra Olivi (G.S.Atl.Dil.Lib. Piombino Dese) 12:59:39 Uomini - Trail Marathon 40 km 1. Stefano Fantuz (SSR La Colfranculana) 04:15:04; 2. Alberto Ferretto (ASD Skylakes) 04:21:27; 3 Ruggero Pianegonda (SBR Team) 04:31:37; 4. Giovanni Corà (Aim GSP) 04:33:24; 5. Marco Brancalion (Run Athletic Team ASD) 04:35:58 Donne - Trail Marathon 40 km 1. Lucia Forte (United Trail&Running) 04:51:23; 2. Mariangela Boschetto (Durona Team) 05:37:16; 3. Claudia Thoma (Fagiani Imprendibili) 05:46:17; 4. Lisa Crosara (Facerunners) 05:47:06; 5. Silvia Dalla Costa (100% Anima Trail ASD) 05:50:40 LE INTERVISTE AI VINCITORI Roberto Mastrotto - Vincitore Ultra 2018 maschile Innanzitutto ci tenevo tantissimo a far bene qua oggi e sì, è da una settimana che ero lì, con la testa alla gara di Valdagno. Il meteo ha complicato un po’ tutto e specialmente nelle 52 gallerie abbiamo trovato condizioni veramente toste. Il ricordo più bello, rimane qui a Valdagno, in mezzo a tutta questa gente. Intendo riprovare a conquistare la convocazione mondiale. A mente fredda, ripensandoci, non è nemmeno stato così male essere stati lasciati a casa visto che comunque ho ottenuto diverse soddisfazioni che altrimenti non avrei mai ottenuto. Nel percorso di oggi sicuramente mi ha un po’ agevolato il taglio delle creste sul Summano, è stato mantenuto il chilometraggio però su un terreno in cui si potevano sicuramente far girare le gambe. A fine agosto sono all’Ultra Trail de Mont Blanc che, diciamo, è un po’ un mondiale, non ufficiale se vogliamo, in quanto siamo in meno atleti, poi in campionato italiano vedremo se riuscirò a conquistare questa maglia azzurra. Francesca Pretto – Vincitrice Ultra 2018 femminile Quella 2018 è stata una stagione pessima. Avevo fatto un anno stellare nel 2017, poi nel 2018 è partita proprio malissimo. Ho dovuto infatti rinunciare al mondiale nonostante la convocazione. Diciamo allora che questa Ultra di Trans d'Havet è il mio mondiale e mi rimarrà sempre nel cuore. La gara in sé è stata molto tempestosa. Il tempo non ci ha favoriti anche se, dopo Campogrosso, si è sistemato. Ho sofferto abbastanza anche a livello fisico, non è stata una gara al top come l’anno scorso però ho voluto arrivare in fondo, sulla striscia rossa. Con Alessandra (Boifava - ndr) ce la siamo un po’ giocata perché a Campogrosso ci siamo trovate insieme, poi io ho cercato di staccarla, sapevo che l’avevo alle calcagna e quindi ho sperato di arrivare in fondo. Stefano Fantuz – Vincitore Marathon 2018 maschile Oggi è andata bene, diciamo che ho rischiato in quanto Alberto (Ferretto – ndr) mi aveva preso sull’ultima discesa ripida, sul Carega mi si erano un po’ imballate le gambe, forse ho esagerato un po’ prima e poi però ho allungato, però bene, è stata dura, non pensavo. Adesso faccio un mesetto di pausa e poi ho la 100 km a Chamonix. Trans d'Havet è stato l’ultimo lungo prima di quella gara. Con il meteo siamo stati fortunati perché diluviava si, ma da Pian delle Fugazze ha smesso. Abbiamo trovato un po’ di neve in cima al Carega, ma nella media è abbiamo affrontato la temperatura ideale per correre. Non conoscevo la salita del Carega e l’ho tirata fino alla cima, poi per scendere non ne avevo più, ero proprio imballato. L’ultima discesa mi si è fatto sotto Alberto Ferretto, lì mi sono dato un po’ più di coraggio e con un percorso un po’ più percorribile son riuscito a staccarlo e mi è andata bene. Sui passaggi tecnici tendo ad andare un po’ più lento degli altri, Ferretto sapevo che era secondo perché lo avevo visto da lontano in un tratto in cui si vedeva un bel pezzo di percorso, ad un certo punto son andato in crisi e stavo solamente aspettando che si facesse sotto. Quando mi ha raggiunto ho tenuto duro fino alla fine del tratto tecnico e poi ho allungato ed ho preso un po’ di metri di vantaggio. Lucia Forte – Vincitrice Marathon 2018 femminile È stata un po’ duretta. Bel percorso, per fortuna non ha piovuto, son caduta in discesa, quindi non è stato il massimo, però mi son ripresa ed alla fine è andata bene, son contenta. Sicuramente nelle ultime discese finali mi sono trovata più in difficoltà, erano molto scivolose e poi comunque sei molto stanca e quindi basta mettere il piede in fallo e ciao, son proprio caduta in avanti, ma capita ed è andato tutto bene lo stesso. "Foto CFL - Circolo Fotografico Leoniceno"

TRANS_D_HAVET_2018 - Alberto Ferretto_ph CFL Antonio Zambon.JPG
TRANS_D_HAVET_2018 - Alessandra Boifava_ph CFL Antonio Zambon.JPG
TRANS_D_HAVET_2018 - Alessio Zambon_ph CFL Antonio Zambon.JPG
TRANS_D_HAVET_2018 - Francesca Pretto_ph CFL Antonio Zambon.JPG
TRANS_D_HAVET_2018 - Lucia Forte_ph CFL Antonio Zambon.JPG
TRANS_D_HAVET_2018 - Martina Trimme_ph CFL Antonio Zambonl.jpg
TRANS_D_HAVET_2018 - Roberto Mastrotto_ph CFL Antonio Zambon.JPG
TRANS_D_HAVET_2018 - Ruggero Pianegonda_ph CFL Antonio Zambon.JPG
TRANS_D_HAVET_2018 - Stefano Fantuz_ph CFL Antonio Zambon.JPG
TRANS_D_HAVET_2018 - Yanez Borella_ph CFL Antonio Zambon.JPG

 


Per Qualsiasi Informazione Inviare a info@tuttopodismo.it un messaggio di posta elettronica
Per Segnalazioni  gare di podismo inviare  a gare@tuttopodismo.it un messaggio di posta elettronica (Servizio gratuito).
Se desideri essere aggiornato sulle nostre iniziative o vuoi ricevere comodamente nella tua casella postale la lista delle tue gare di podismo preferite iscriviti a iscrivimi@tuttopodismo.it (Servizio gratuito). Specifica anche le province delle gare di podismo di cui vuoi essere aggiornato oppure il tipo di gara (maratona, mezzamaratona, campestre, circuito, corsa in montagna, ecc.).